Contenuto Principale
Caserta, Polverino attacca Petteruti: Il Comune non funziona. Sparisce l Estate in città e i fondi? E un elenco infinito di incapacità PDF Stampa E-mail
Mercoledì 23 Luglio 2008 21:03

CASERTA - Verifica, a rischio il Consiglio” “Rimpasto alla Provincia” “Petteruti porta la crisi in Assise” “Verifica al comune il Sindaco convoca il Pd ed è a rischio il consiglio convocato per giovedì”.

Non è un campo di guerra ma semplicemente alcuni titoli della stampa locale, che ormai da diverso tempo , sembra essere sempre uguale. Congressi spaccature a go go ma di amministrare non se ne parla proprio. E' quanto evidenzia il consigliere regionale Angelo Polverino.

“ Caserta - commenta tristemente il consigliere - è una città disertificata sempre più difficile raggiungerla dalla Provincia. I turisti continuano ad avere difficoltà per accedere a Palazzo Reale visto che si continuano ad avere cantieri sempre aperti. Il Traffico, in certe ore della giornata, impazza letteralmente. Continuiamo ad avere una città invasa dalla sporcizia e non capisco cosa stia facendo l'Assessorato all'Ambiente. Allo stesso modo non comprendo che attività stia svolgendo l'Assessorato alla Cultura visto che anche l'ennesima manifestazione come l'Estate a Caserta, che per anni ha intrattenuto non solo chi non andava in vacanza , è stata eliminata dalle attività. Non esistono più iniziative culturali, iniziative teatrali ma si “sprecano” soldi pubblici per accontentare sagre giovanili con d.j. evidentemente amici del disincantato Gigliofiorito.

Mi piacerebbe conoscere anche le attività inerenti le politiche giovanili per riuscire a comprendere in cosa effettivamente la giunta Petteruti stia lavorando per cercare di giustificare anche un così lento ritardo sulla manovra di marcia e per capire di cosa si discute ogni giorno visto che dopo due anni di amministrazione non è stata posta in essere una benchè minima attività. Nonostante le nostre sollecitazioni e le promesse del Sindaco in campagna elettorale stiamo ancora aspettando che venga posta la prima pietra nell'Area MACRICO.

Troppo intenti a salvaguardare casacche e poltrone e poco inclini ad amministrare o, meglio, troppi medici e professionisti in giunta che con la politica hanno davvero poco a che fare.

Una proposta a questo punto l'avrei e sarebbe quella, per evitare ulteriori sprechi, di chiudere il Comune tre volte la settimana vista l'inconsistenza di qualsiasi attività per il benessere della città.