Contenuto Principale
Caserta, Guerra in Ucraina: Il Manzoni apre un format radiofonico gestito dagli studenti profughi. Ospite del programma anche padre Ihor Danylchuk PDF Stampa E-mail
Scritto da salvatore   
Lunedì 23 Maggio 2022 12:20

CASERTA - Sabato 28 maggio alle ore 20, il liceo Manzoni di Caserta guidato dalla dirigente scolastica Adele Vairo, inaugurerà un nuovo palinsesto per Radio Manzoni, interamente dedicato all’Ucraina.

Un radiogiornale interamente in lingua, infatti, sarà trasmesso live in streaming sulla piattaforma web della radio, con ben tre appuntamenti settimanali calendarizzati alle ore 20 di ogni martedì, giovedì e sabato. Speaker del programma, neanche a dirlo, saranno le studentesse di nazionalità ucraina accolte dal rinomato istituto casertano. Tra gli argomenti affrontati, c’è sicuramente quello della guerra in Ucraina e gli sviluppi sul conflitto.

Spazio, però, anche ad informazioni di carattere burocratico, medico-sanitario, sportivo e parrocchiale. «La necessità della integrazione dei giovani arrivati dall’Ucraina – ha commentato la dirigente scolastica Adele Vairo – è un problema di rilevanza sociale e culturale che la scuola sta affrontando con grande coraggio. Ritengo che Radio Manzoni sia un progetto che mira proprio a risolvere questo tipo di emergenza, in modo funzionale alle esigenze dei profughi.

L’idea rivoluzionaria di creare un format radiofonico interamente in lingua ucraina e programmato e gestito da studenti ucraini vuole proprio rendere ancora più forte e coesa l’accoglienza di chi è arrivato qui in cerca di aiuto. Ospite d’eccezione delle trasmissioni sarà padre Ihor Danylchuk, parroco della chiesa SS Trinità ucraina di Caserta. Questa del format radiofonico è un’iniziativa lodevole non solo perché è un modo per coinvolgere i giovani accolti dal liceo Manzoni, ma perché supplisce di fatto ad una carenza di informazioni in lingua a cui probabilmente si sarebbe dovuto far fronte già dalle prime ore dell’accoglienza dei profughi».

Sarà infatti proprio padre Ihor Danylchuk uno degli ospiti fissi del programma radiofonico condotto dagli studenti ucraini. Padre Ihor, uno dei protagonisti assoluti dell’accoglienza casertana dei profughi in fuga dall’Ucraina e che abbiamo imparato a conoscere sin dalle prime ore dell’emergenza per aver coordinato gli arrivi e l’invio di beni di prima necessità con la Caritas diocesana di Caserta, ha accettato senza alcuna esitazione di intervenire al programma e di portare ogni settimana la sua testimonianza su quanto si sta facendo in città per aiutare i profughi arrivati e quanto si sta facendo in Ucraina per il cessate il fuoco.

L’idea del programma radiofonico è del professore Landolfi del liceo Manzoni, sostenuta, promossa ed implementata dalla Dirigente Scolastica, Adele Vairo. Anche il presidente dell’Anspi Caserta, Giuseppe Dessì, è stato coinvolto nell’iniziativa, fungendo, inoltre, anche da collante con le iniziative manzoniane in campo per l’Ucraina. Radio Manzoni è una vera e propria radio streaming che da ormai oltre 5 anni trasmette numerosi programmi sulle sue piattaforme. Negli anni si è distinta per aver seguito con particolari meriti ed entusiasmo le principali partite della Casertana, della Juvecaserta, oltre che a

numerosi convegni e appuntamenti di carattere culturale svolti nella città di Caserta. Un progetto, quello di Radio Manzoni, nato in sordina come progetto scolastico, ma che col tempo si è affermato in città, attestandosi come punto di riferimento culturale del territorio, fino ad essere citata in diretta nella trasmissione del giornalista e conduttore televisivo Pierluigi Diaco. Il palinsesto di Radio Manzoni nasce come palinsesto culturale dell’offerta formativa del liceo Manzoni, in cui partecipano tutte le professionalità con interventi.