Contenuto Principale
Il Blu delle Rose, la favola contemporanea di Laudadio incanta Palazzo Paternò PDF Stampa E-mail
Scritto da Angela Santonastaso e Francesco Fatone   
Venerdì 18 Settembre 2020 11:28

CASERTA - Il giorno 16 settembre presso palazzo Paternò è iniziato il Blue Tour ovvero il Tour di presentazione del libro scritto da Tony Laudadio, Il blu delle rose. Una storia avvincente, futuristica, ma molto vicino alla realtà. Il libro, spiega Tony, racconta proprio di una protagonista che è una scienziata genetica. Scopre da bambina che le rose blu sono artificiali e allora da grande e da scienziata studia che possono generarsi attraverso la genetica delle rose blu naturali. Da qui una serie di avventure che scoprirete solo leggendo il libro che Tony Laudadio auspica la possibilità di trasformarlo anche in un film. Di certo, spiega, c'è molta differenza tra leggere un libro e vedere un film. La lettura, ha dei tempi diversi e le nuove generazioni non conoscono cos'è la noia che invece è anch'essa una ricchezza. Bisognerebbe imparare ad avere i tempi della lettura e quelli di un film perché entrambi ci insegnano.

 

E’ possibile evitare il futuro che c’è nel libro?

Il mio intento era di scrivere di un mondo futuro che non fosse nè post-apocalittico ne tremendo, anzi è una realtà pacificata. Il problema è cosa sacrifichiamo per ottenere questa pace, questo mondo roseo. Cosa siamo disposti a cedere della nostra umanità, dei nostri sentimenti, delle nostre ambizioni? Su questo contrasto si gioca tutta la narrazione.

Vengono inoltre trattati dei temi molto attuali quali appunto la questione dell’ambiente e la questione della pandemia. Quanto hanno influito i recenti avvenimenti degli ultimi due anni?

La questione climatica penso sia un inevitabile ragionamento a lunga scadenza, ambientando il romanzo nel 2047 era inevitabile pensare che non ci fossero tutte le conseguenze che oggi viviamo in minima parte. Sul COVID ovviamente ho dovuto fare un inserimento all’ultimo momento perché in realtà il romanzo era già finito e soltanto nelle ultime correzioni di bozze ho potuto immaginare anche gli eventi storici che stiamo vivendo in questo momento. Però, curiosamente, il romanzo già finito ha molto a che fare con quello che stiamo vivendo con il COVID e questa cosa da una parte mi ha inquietato da scrittore e dall’altra credo abbia dato la conferma di certe ipotesi fantastiche