Napoli, attività di presidio ordinario nella ‘Terra dei Fuochi’: Report settimanale in citta’ e Caserta Stampa
Scritto da salvatore   
Lunedì 19 Aprile 2021 10:53

TERRA-FUOCHI.jpg

NAPOLI - Nell’ambito delle attività di presidio del territorio dell’operazione “Strade Sicure” del raggruppamento “Campania” dell’Esercito Italiano su base 7° reggimento bersaglieri, sono stati assicurati nella trascorsa settimana nr. 385 servizi di pattuglia e come risultato sono stati individuati 04 nuovi siti di sversamento; identificate 515 persone (di cui 02 denunciate e 01 sanzionata amministrativamente); controllati 422 veicoli di cui 02 sequestrati. Sono state comminate multe per un totale di 6.436,00 euro.

In particolare nella giornata del 13 Aprile 2021 a seguito di attività di controllo sul territorio per lo sversamento e roghi illeciti di rifiuti, nelle località di Nola (Na) e Giugliano in Campania (Na) sono stati individuati due camioncini che trasportavano materiale di scarto ferroso e resti di demolizione senza i documenti previsti, con il supporto delle forze di polizia si è proceduto al sequestro di mezzi e ammenda.

TERRA-FUOCHI-1.jpg

 

Nella settimana appena trascorsa si sono avviate attività di controllo su segnalazione dei volontari, grazie alle quali sono stati identificati alcuno rilevanti siti di sversamento di rifiuti (in particolare pneumatici), prevenendo ulteriori possibili roghi.

Nel corso delle operazioni di maggior rilievo della settimana scorsa è stato assicurato il necessario supporto di polizia giudiziaria dalla Polizia Municipale di Nola (NA) e Polizia Municipale di Giugliano in Campania.

L’attività si inquadra nelle azioni di “primo e secondo livello” (cioè operate h 24 da pattuglie dall’Esercito ovvero da pattuglie miste con il supporto delle polizie locali o dei presidi territoriali dei Carabinieri) che si aggiungono ai settimanali Action Day, secondo la programmazione definita dall’Incaricato per il contrasto del fenomeno dei roghi nella regione Campania nell’ambito della Cabina di regia della “Terra dei Fuochi”, sempre con il coordinamento delle Prefetture di Napoli e Caserta.