Contenuto Principale
Caserta ha il mare più inquinato d'Italia: il 66 per cento delle coste. Dramma anticipato dall'Eco PDF Stampa E-mail
Martedì 04 Agosto 2009 20:25

CASERTA - Il mare casertano è il più inquinato d'Italia. Ultima provincia in assoluto, infatti, è quella di Caserta: ben il 66% delle sue coste risultano inquinate, ossia oltre 28 chilometri. Il dato era stato già anticipato dall'Eco a maggio scorso.

In ogni caso, complessivamente, sui 5.175 chilometri di costa italiana controllata 4.969 sono balneabili: l’Italia ha le spiagge più pulite in Europa dopo la Grecia, e coi suoi 4.917 siti di balneazione rappresenta da sola un terzo delle spiagge dell’intero Continente, seguita a grande distanza dalla Grecia (2.088 siti) e la Spagna (1.899).

Basilicata, Molise e Emilia al top, Campania maglia nera. E’ la "classifica" della balneabilità delle coste italiane stilata dal rapporto annuale del Ministero della Salute.

Il 100% delle coste risultano balneabili nelle tre regioni in testa, seguite dalla Sardegna con il 99,9% (risultato "sporcato" solo dallo 0,3% di costa inquinata nel sassarese) e dalla Toscana con il 99,8% (pesa un piccolo tratto - 1,2% - non a norma in provincia di Massa Carrara).

Bene anche le Marche con il 98,2%: completamente "verdi" le coste di Ancona e Pesaro, mentre un 3,6% di costa nel maceratese risulta off limits. Al 98% c’e’ invece la Sicilia, che presenta una situazione a macchia di leopardo: ottime le province di Trapani, Catania, Ragusa e Agrigento, ma pesa l’8,6% di costa inquinata in provincia di Caltanissetta. Peggio va al Lazio, con il 92,8% di costa complessiva: come prevedibile, è Roma a abbassare il risultato, con il 13,6% di costa proibita, pari a 12,7 chilometri.

Bene invece Friuli (97,7%) e Abruzzo (95,8%), mentre e’ deludente il risultato della Calabria, 93,3%, dovuto soprattutto ai 24 chilometri di costa inquinata nel cosentino.
Fanalino di coda la Campania: appena l’80,8% delle sue coste sono balneabili (escludendo porti e foci, con i quali la percentuale sarebbe notevolmente minore).