Contenuto Principale
Caserta, il Carnevale solidale che fa sorridere e creare a Piana di Monte Verna per i più poveri PDF Stampa E-mail
Martedì 24 Febbraio 2009 17:12

PIANA DI MONTE VERNA (CASERTA) - Carnevale è la festa più colorata dell’anno. Con le maschere, le stelle filanti, i coriandoli, ognuno indossa un vestito che suscita fantasia, ilarità, sorriso. Tante sono le emozioni che accompagnano questa festa dell’allegria. Ogni giorno una festa in maschera spunta frizzante da qualche angolo di questa terra. Ecco allora che arriva il Carnevale di Venezia, quello di Putignano, quello di Viareggio, per citare i più noti; quello di Capua che, in fatto di colori, non è da meno rispetto alle altre ben note città, ma anche quello di piccoli paesi della provincia casertana.

Clown e allegria per la vita

Tra tante colleghe così grandi e ben note fa capolino Piana di Monte Verna che, domenica 22 febbraio ha celebrato il Carnevale con una festa a misura di bambino ed all’insegna della solidarietà. Ebbene sì, l’Azione Cattolica di Piana di Monte Verna ha organizzato una festa per i bambini del paese, raccogliendo fondi da destinare ad un orfanotrofio in Etiopia. Gelatina, Popof, Alice, Fly, Piripi, Gioia, 6 strampalati e allegri clown hanno preso per mano i bambini del paese e, insieme, hanno ballato, giocato, riso, colorato una giornata fredda ma ricca di calore. E grazie a tanto entusiasmo si è riusciti a raccogliere la somma di circa € 300.

Solidarietà per un orfanotrofio

I soldi raccolti in questo modo, saranno destinati a quello che noi chiamiamo “orfanotrofio”, ma che a conti fatti è oggi una casa in via di costruzione grazie all’aiuto del
presidente della Provincia di Padova che si è attivato per raccogliere i fondi necessari per l’edificazione di una nuova struttura, di cui attualmente sono realizzate mura e copertura. Fino a poco tempo fa, però, era una casa pericolante, senza pavimento, senza letti e dove i bambini che sono stati accolti dormivano a terra in compagnia di topi e qualche gallina.

Una storia di una tenerezza unica

L’orfanotrofio si trova in Etiopia e nasce dalla volontà di una donna anziana che avrebbe voluto prendere i voti e diventare una suora ma la guerra e le vicissitudini della vita glielo hanno impedito. Lei, però non si è persa d’animo e ha deciso di aiutare tanti bambini che avevano bisogno di protezione e di affetto. Ma una donna sola può poco se non ci si mobilita per aiutarla. E’ così che si inserisce l’Azione Cattolica di Piana di Monte Verna, indirizzata da Mary, una donna del paese che l’estate scorsa, facendo volontariato in una clinica nei pressi di Adis Abeba, gestita da un’altra donna, Suor Luciana, è venuta a conoscenza di questa difficile realtà che, un poco alla volta, con l’aiuto di tante persone si trasformerà in un sogno tangibile fatto di mura, arredi e tutto l’amore di cui l’essere umano è capace.

Collaborate anche voi

Se volete collaborare anche voi, mandate una mail a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. e vi metteremo in contatto con i responsabili dell’iniziativa. Insieme tutto è possibile.