Contenuto Principale
Sant'Agata de' Goti, “Cross Cities 2021” WINTER EDITION: Innovazione e Tradizione PDF Stampa E-mail
Scritto da salvatore   
Mercoledì 15 Dicembre 2021 11:49

SANT'AGATA DE' GOTI (Caserta) - Riprende con la Winter Edition del 17 e 18 dicembre 2021 la programmazione attività del progetto Cross Cities promosso dall'associazione Blu'S di Sant'Agata de' Goti. Il progetto fu inaugurato nell'agosto 2019 con la prima Réunion a cui hanno partecipato circa 70 artisti ed è proseguito anche nel 2020 nonostante le forti limitazioni dovute alla situazione pandemica.

CROSS CITIES WINTER EDITION \ RESISTENZA prevede nel suo format due appuntamenti che si terranno nel mese di dicembre 2021 all’insegna di due diversi scenari storico-sociali: Innovazione \ Tradizione.
Innovazione: il 17 dicembre dalle 20.30 alle 23.30 tre appuntamenti di Performing Art (Danza, Teatro e Musica) Vincenza Modica “Trilogia dell'assenza – Attraversamenti”, Mena Rusciano “A Body Tale”, Sonic Alliances “Virus”. Sabato 18 Dicembre dalle 16:30 alle 18:00 appuntamento con la Tradizione dei Pupi, marionette, guarattelle e suoni della terra grazie all’Opera dei pupi di Salvatore Gatto. Gli eventi si svolgono presso le Cantine storiche Mustilli a Sant'Agata de’ Goti in via dei Fiori 20.

Per ciascun evento è prevista la condivisione sulle piattaforme social, al fine di raggiungere una platea di partecipanti ampia e variegata; tutto Il materiale prodotto sarà open content a disposizione di tutti per una fruizione aperta e condivisa. https://www.facebook.com/events/1709603785897620

Il Progetto

Cross Cities \ Città Incrociate è un progetto dell’Associazione Culturale Blu’S con il principale obiettivo di aggregare esperienze artistiche capaci di coinvolgere, disegnare e creare nuovi linguaggi, spazi dove gli artisti, attraverso la propria capacità espressiva, ritrovano il senso comune della condivisione di esperienze.

Blu’S è una realtà organizzativa dinamica, operante da venticinque anni su un ampio territorio capace di spaziare nella diversità di linguaggi e di proporsi sempre come strumento aggregativo e luogo espressivo aperto.

Blu’S è un’esperienza umana e dunque culturale che nasce a Sant’Agata de’ Goti e, da questo territorio antico e ricchissimo, si apre al mondo divenendo casa comune e contenitore ideale per ogni forma di sperimentazione e proposta, luogo di incontro e di scambio.

Blu’S è uno stato d’animo, un medium propositivo, un punto di ripartenza e di resistenza perché è a partire dalle arti che si può immaginare un futuro possibile.

Approfondimento Winter Edition dicembre 2021

Trilogia dell'assenza di Vincenza Modica.

Veterana della scena teatrale, erede attiva della lezione di Neiwiller (al quale la trilogia è dedicata), l’attrice napoletana appare come una dama di Delvaux, pallida di cerone, chioma sciolta, veste sottile, è uno spettro del teatro, che aleggia, effimera e inutile ormai, come tardiva, eppure pur evocata. Da chi? Da chi pur c’è. Da «noi», si dovrebbe dire, non fosse che questo «noi» oggi è diventato impronunciabile. Irrealizzabile.

Possiamo andare adesso?

Non ancora…

Ma non c’è più niente!

Ci siamo noi.

Scusa? Ma dobbiamo proprio stare qua?

E si! Dobbiamo stare proprio qua!

E dobbiamo stare in silenzio!

E immobili, nemmeno la più lieve oscillazione…

E aspettare…

A Body Tale di Mena Rusciano

Un racconto corporeo

Segni lasciati da impronte silenti affiorano sulla superfice corporea componendo una mappa sensibile, un’eco di trascorsi emotivi. Una tessitura gestuale che rivela la permeabilità fisica e ne ricerca i segni sospesi con i quali accompagnarsi.

Virus di Sonics Alliances

Una strana trasmutabilità degli elementi deriva dalla ricerca sui linguaggi e sull'incredibile mondo dei suoni che ci avvolgono. Le scintille acustiche e i microclimi sonori favoriscono la nascita di strutture e nuovi modi di creazione e di sperimentazione con il naturale desiderio di armonizzare il rapporto tra uomo, media e tecnologia.

I Sonic Alliances sono:

Maurizio Chiantone: double bass & voice

Mario Gabola: acoustic and feedback alto sax

Davide Russo: accordion, ukulele and accordion reeds

Peppe Vietri: percussion & field recordings

Pulcinella - ‘500 anni portati bene di Salvatore Gatto

con e di Salvatore Gatto (burattini e musica) di Gianni Maresca (chitarra)

Il personaggio di ‘Pulcinella” è universale e senza tempo perché “simbolicamente rappresenta l’uomo”, la storia della strada, la storia del semplice, la storia dell’ultimo, di chi spesso si offre senza chiedere nulla, la nostra storia. Lo spettacolo del maestro burattinaio S. Gatto è una riflessione delle dimenticanze sociali, attraverso i suoi burattini-personaggi che si confrontano e affrontano il suo ‘Pulcinella’, offre allo spettatore, la possibilità di porsi anche delle domande sul “cattivo” funzionamento della società.

Il burattino, ha aggiunto Gatto, “ha tutto” per essere amato dai bambini, per i colori, l’emozione, per la continua lotta tra il bene e il male, anche se, ci spiega, il mio è uno spettacolo per adulti, perché “è una metafora della vita” troppo spesso disattenta.

BIO

Mena Rusciano

Danzatrice e coreografa freelance puteolana, opera nel campo della danza contemporanea e della videodanza. Liquid Path (2013) è il suo primo corto, vincitore nel 2013 del premio alla produzione a LA DANZA IN 1 MINUTO (Torino) e nel 2014 ottiene il secondo premio al 60SECONDSDANCE (Copenhagen) e considerato miglior videodance al BANG - VII Festival international de Videoarte de Barcelona ; nel 2021 vince il primo premio al VIDEODANCE FESTIVAL ( Brasile). Con il secondo film Tracce nascoste (2015), riceve diverse menzioni speciali: nella sezione sperimentale al festival di cortometraggi A CORTO DI DONNE, al Festival internazionale de videodanza VIDEOMOVIMIENTO (Bogotà, Colombia) e nel 2019 nella categoria video art al I’ ATHENS INTERNATIONAL DIGITAL FILM FESTIVAL (Atene, Grecia). Nel 2020 con il video Break è tra i videomakers selezionati dai fratelli Roger e Brian Eno per il progetto “A Quiet Scene” ispirato al loro album MIXING COLOURS

Vincenza Modica

Vincenza Modica nasce a Napoli nel 1959.

Inizia la sua esperienza teatrale con Antonio Neiwiller del Teatro dei Mutamenti (1982 - 1988).

Dal ‘92 collabora con Enzo Moscato partecipando, come attrice, ad alcuni lavori dell’autore.

Nel ‘94 fonda e dirige, tuttora attivo, il laboratorio “Sentimento del tempo” avvalendosi della collaborazione di attori e diversi artisti, portando avanti la ricerca sull’incontro tra le arti e i linguaggi e sui possibili ‘sconfinamenti’.

Nel ’98 realizza da autrice e attrice lo spettacolo RIVOLTA “sonata per sola voce umana”.

Dal 2003 cura il progetto “Neiwilleriana” - Laboratorio teatrale ispirato ad Antonio Neiwiller in collaborazione con Gaetano Marcellino e Giancarlo Savino.

Come attrice lavora inoltre con Leo de Berardinis, Toni Servillo, Mario Martone, Franco Scaldati, Alfonso Santagata, Claudio Morganti.

Salvatore Gatto

Il maestro Salvatore Gatto ha iniziato per caso l’arte del burattinaio, sin da piccolo era affascinato e il nonno ne costruì uno per farlo giocare. Cominciò così per gioco, li usava come tutti i bambini usano i giocattoli, improvvisando. Un aiuto nella formazione è arrivato dal frequentare due grandi maestri della tradizione delle Guarattelle, l’arte dei burattini della tradizione napoletana, apprendendo l’arte dalla mano di: “Giovanni Pino” e “Nunzio Zampella”, insegnanti della tradizione burattinaia napoletana.

Approfondimento prima Réunion Cross Cities (agosto 2019)

Nel 2019 è stata promossa la prima Réunion, frutto di azioni e discussioni sulla realizzazione di un incontro internazionale. Siamo cosi riusciti a mettere in campo il progetto nell'agosto 2019. Circa 70 liberi pensatori si sono riuniti intorno ai temi della resistenza culturale rappresentati dalle loro opere: uguaglianza sociale, diritti umani, rispetto dell’ambiente. Su questi valori, fortemente legati all’arte e in contrapposizione al dilagante modello di flusso creativo spento e ripetitivo, tutti hanno partecipato all’evento con i più vari contributi per sviluppare e approfondire le comuni identità.

Alcuni/e dei/delle partecipanti ospitati in occasione della prima Réunion Cross Cities (agosto 2019):

Ulderico Pomarici [Italia]

Tonino Battista [Italia]

Roger Alsop [Australia]

Mojmir Umberto Ježek [Italia]

Michel Titin-Schnaider [Francia] Jeremy Welsh [UK]

Jean-Baptiste Favory [Francia]

Janusz Brudniewicz [Polonia]

Giuseppe Bilotta [Italia]

Girolamo De Simone [Italia]

Frédéric Acquaviva [Francia]

Fabio Donato [Italia]

Brunhild Meyer-Ferrari [Francia]

Umberto Manzo [Italia]

Alen Ilijic [Serbia]

Diego Watzke [Italia]

Lauren Grabelle [USA]

Manuel Piña [Cuba]

Massimo Bignardi [Italia]

Max Fuschetto [Italia]

Nino Lomadze [Georgia]

Zoran Dragelj [Canada]

Maddalena Marciano [Italia]

Questa prima esperienza è stata raccontata in una pubblicazione digitale, con la firma curatoriale di Massimo Bignardi Direttore del Museo Frac di Arte Contemporanea, 220 pagine illustrate, ricca di fotografie e in doppia lingua: italiano e inglese; documento di divulgazione di un nuovo modello possibile di osservare, vivere e trasformare il nostro mondo.

https://issuu.com/blucode/docs/cross_cities