Contenuto Principale
Caserta, a 5 giovani le borse della Fondazione Mario Diana per l'Università in Italia e all'estero PDF Stampa E-mail
Scritto da Beatrice Barbato   
Lunedì 09 Ottobre 2017 09:58

borsa_diana_1.jpg

di Beatrice Barbato

CASERTA – Avevano gli occhi lucidi e la voce rotta per l’emozione i cinque giovani studenti che, sabato mattina, presso la Sala Giunta di Confindustria, hanno ricevuto le Borse di Studio concesse dalla Fondazione Mario Diana Onlus: Giuseppina Diana, Maddalena Milo, Simona Russo, Michele Formisano e Giovanni Battista Musco. Vincitori del progetto Prometeo, i giovani studenti saranno accompagnati e sostenuti durante l’intero percorso universitario che hanno scelto di intraprendere.

La cerimonia

Ad aprire la cerimonia è stato Luigi Traettino, presidente Confindustria Caserta, che ha dichiarato: “Accompagnare i giovani significa accompagnare il futuro”. Ha proseguito, poi, Antonio Diana, presidente della Fondazione Mario Diana Onlus, visibilmente emozionato e soddisfatto di aver avviato un progetto importante per i giovani.

Il progetto

“Il progetto Prometeo ha l’ambizione di crescere ulteriormente nei prossimi anni – ha dichiarato – ma oggi posso dire di aver realizzato un sogno, per me e per questi cinque giovani assegnatari. L’idea che ha spinto tutti noi alla creazione di queste borse di studio è stata quella di poter dare una possibilità a tutti coloro che ne sono privi ma che hanno tanto da dare e da esprimere in termini di capacità. Sono del parere che non bisogna saper fare, ma fare l’impossibile”.

I cinque assegnatari sono stati, poi, chiamati a firmare un contratto dello studente che, come ha tenuto a precisare Diana, è prima di tutto un patto con loro stessi a dare il massimo per la loro crescita, umana e culturale.

“Il nostro motto è WE WIN, perché vinciamo entrambi. Nessuno deve sentirsi in debito con la Fondazione. Voi giovani dovete impegnarvi per voi stessi e per il vostro futuro”, ha concluso il presidente.

I vincitori

Prima ad essere salita sul palco e a firmare il contratto è stata la giovanissima Giuseppina, che insieme a Maddalena e Simona, riceverà ogni anno un sostegno economico di 2.000,00 euro.

“Ho avuto l’opportunità che sognavo – ha dichiarato Giuseppina, neo iscritta alla facoltà di Lingue, Letterature e Culture dell’Europa e delle Americhe presso l’Orientale di Napoli – senza la Fondazione non avrei potuto continuare i miei studi. Mi impegnerò ad affrontare questo percorso con la stessa passione che mi ha spinta a superare le fasi di selezione. Il mio sogno più grande è quello di poter diventare un’insegnante di spagnolo”.

Le aspirazioni

“Dedico questa vittoria ai miei genitori – ha continuato Maddalena, iscritta alla Facoltà di Lettere Moderne dell’Università degli studi di Napoli Federico II – diventerò un critico letterario e comincerò da subito a pubblicare qualche mia opera. Devo ammettere che tutto è cominciato per gioco, non pensavo di farcela. Poi quando mi sono resa conto di quanto valessero tutti i ragazzi attorno a me, ho capito che anche io avevo qualcosa da offrire”.

“Le fasi di selezione – ha spiegato Simona, che ha scelto di iscriversi ad Economia Aziendale presso l’Università degli studi della Campania Luigi Vanvitelli – sono state giuste ed eque. E prendervi parte è stato un’esperienza bellissima che mi ha consentito di mettermi in discussione. Grazie a Prometeo ora so che nulla è impossibile e che con impegno si può arrivare lontano”.

Hanno, poi, preso parola, leggendo entrambi una lettera di ringraziamento, Michele e Giovanni, assegnatari di una borsa di studio del valore di 7.000,00 euro l’anno che consentirà loro di traferirsi in due università del Nord.

“È difficile esprimere a parole i sentimenti che provo in questo momento – ha dichiarato Michele, iscritto al corso di laurea in Ingegneria informatica del Politecnico di Torino – Anche se ho scelto un percorso in salita, non mollerò. E il merito è della mia famiglia e di questa associazione che sta facendo tanto per il nostro territorio. Non posso altro che dire un grazie sincero e vero”.

“Grazie a Prometeo ho capito di avere qualcosa da dare. Ho intrapreso questa selezione con impegno, motivazione e umiltà. Ora tocca a me non mollare”, ha concluso Giovanni, iscritto al Corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza presso l’Università Bocconi di Milano.

La scuola estiva

Presenti alla cerimonia anche la dott.ssa Vairo, responsabile di commissione, nonché tutor di riferimento dei giovani assegnatari; la nota economista suor Alessandra Smerilli, docente della Pontifica Facoltà Auxilium di Roma e i giovani studenti che nel luglio 2017 hanno partecipato, grazie alla Fondazione, ad una Summer School World presso il Centro di Ricerca Sbarro Health Research Organization di Philadelphia: Rosa Correra, Serena Cotic, David Harrison Ferrell e Roberta Sferrazzo.